9 consigli per mantenere la motivazione per correre

Correre, come la maggior parte degli sport, ci aiuta a liberare lo stress e le endorfine, a dimenticare i problemi, ci fa vedere la vita sotto un altro punto di vista e ci insegna molte cose, ci offre esperienze uniche e naturalmente ci fa stare in forma, non solo il corpo ma anche la mente ne beneficia. Benedetto sia il running!

Però come succede con tante cose nella vita, non tutto è oro e non sempre siamo capaci di mantenere la forza, la voglia e la motivazione sufficiente per correre o, anche tenendole, sentiamo che vanno svanendo poco a poco e ogni volta ci pesa sempre di più uscire e andare a correre.

Abbiamo scritto questo articolo con l’obiettivo di aiutarti, non solo a ritrovare la motivazione ma anche a potenziarla ulteriormente e fare in modo che rimanga tale.

Molti dei consigli possono sembrare delle banalità e in molti casi sapete già cosa fare per mantenere la motivazione alta però, come dico ogni volta che scrivo un articolo come quelli dell’area consigli per correre, il fatto di vederlo per iscritto e che sembra che lo dica un’altra persona che non siete voi stessi, da più forza ed è più efficace. Cosicchè vi invito a leggerlo, anche se in maniera veloce può essere molto efficace e utile.

Andiamo a correre, forza!!!

1.- Goditi quello che fai…

… e fai quello che ti fa divertire di più.

Anche se sembra paradossale, una delle grandezze del correre è che si può soffrire e divertirsi allo stesso tempo, come si dice: divertirsi soffrendo.

Mi riferisco che bisogna imparare a godersi quella sensazione di mancanza di respiro, dell’accellerazione del battito cardiaco, del fatto di inizare a sentire stanchezza alle gambe, ecc. Non si tratta di soffrire e basta e tantomeno bisogna andare al massimo tutto il tempo, comunque, anche andando tranquillo, sentirai la stanchezza, ci saranno giorni in cui ti sarà più faticoso correre, sicchè, approfitta, questi sono i “rischi del mestiere”.

Naturalmente, potenzia quello che ti piace ed elimina ciò che ti provoca stress e non ti piace. Non ti piace fare ripetute stando tutto il tempo guardando il cronometro per analizzare il ritmo? Lascia stare, esci a correre senza orologio e non utilizzare alcun pulsometro gps. Odi le discese pericolose? Non le fare, ci sono tanti percorsi di trail dove non c’è bisogno di farsi male.

Durante le tue uscite, goditi tutto il bene che ti offre la corsa, osserva come migliori in termini di tempo e di sensazione ma soprattutto verifica come migliora la tua vita sia a livello fisico che mentale.

Goditela, goditela e continua a goderti la corsa, è cosi semplice.

2.- Ascolta il tuo corpo e la tua mente…

…e adatta quello che fai in base alle sensazioni che corpo e mente ti trasmettono.

Ad alcune persone succede che corpo e mente gli chiedono di stare sdraiato sul divano di casa a bere birra e guardare la tv o giocare ad un videogioco.

Chiaro è che, se sei più stanco del normale (non hai chiuso occhio per colpa del bimbo, hai lavorato più del normale, ecc.) non sforzarti a dover uscire necessariamente per allenarti, se vuoi, esci andando ad un passo tranquillo o addirittura non allenarti proprio.

Allo stesso tempo, se un giorno ti senti più in forma del solito, approfitta di questo stato d’animo e corri più veloce e più lontano del solito. Propabilmente il giorno seguente pagherai le conseguenze però, almeno l’hai fatto.

3.- Poniti degli obiettivi e delle sfide…

… che siano motivanti e raggiungibili.

Questo consiglio è poco originale perchè stiamo semplicemente applicando nella corsa quello che si dice nella vita normale, ossia, un obiettivo deve essere SMART: specifico, misurabile, raggiungibile, realistico e nel tempo.

Pensa sempre ad un obiettivo che sia motivante, che ti stimola solamente a pensarlo, ma che sia comunque raggiungibile per evitare l’effetto di frustazione qualora non lo raggiungi.

Obiettivi stimolanti potrebbero essere: “correre 30 minuti di seguito per 4 giorni la settimana”, oppure “correre una maratona in meno 3 ore”, l’importante che tu abbia un punto di riferimento e che questo ti serva da ragione per prepararti a raggiungerlo.

4.- Sii costante…

… ma non ossessionarti.

La costanza è la chiave del miglioramento, del mantenimento della motivazione ma neanche bisogna essere ossessivi. Se sei costretto, per una febbre, a stare fermo dei giorni non pensare che il lavoro fatto nei mesi precedenti sia stato inutile.

Meglio mettere, nel salvadanaio, una moneta da un euro tutti i giorni che mettere una banconota da 20 euro, una volta, e poi stare diversi giorni senza metterne altri. Voglio dire, meglio fare tre o quattro uscite a settimana da dieci chilometri che due da venti, anche se in totale hai ricoperto la stessa distanza.

Se poi riesci a far si che questa costanza diventa un’abitudine, sei sulla strada giusta. Consigli per farlo diventare un’abitudine: prendilo come se fosse una specie di obbligo non forzato, ossia, prendilo come impegno, decidi che quel giorno devi uscire e fare tot chilometri e non rinunciare a meno che ci siano delle cause di forza maggiore.

5.- Creati le tue personali contro scuse…

… per sconfiggere le scuse.

Il titolo può sembrare un po scontato però è molto facile: per ogni “mamma che male” crea subito “ non succede nulla perché…..”

Esempio pratico: per il tipico “uffa che calore, l’asfalto brucia, cosi non si può correre” di a te stesso “non c’è problema, prendo il marsupio con le borracce cosi durante la corsa posso farmi un paio di sorsi” oppure “cambio strada e passo vicino alla fontana dove posso rinfrescarmi durante l’allenamento”.

Trovare delle contro scuse è cosi facile come trovare le scuse, e solo questione di fare un po di pratica e poi verrà del tutto naturale.

6.- Cambia quello che fai, prova nuove esperienze…

… compreso qualcosa che non sia solo correre.

Se fai sempre la stessa cosa, correre nello stesso luogo, alla stessa velocità, ecc. Alla fine ti annoi da morire, pertanto cambia strada, cambia sentieri, scopri nuove destinazioni, cambia le distanze e il ritmo…porta sempre con te delle scarpe da running in macchina o durante i tuoi viaggi e appena puoi mettile ai piedi e inizia a correre scoprendo nuovi posti.

Ti assicuro che vedrai le cose in maniera diversa e il fatto stesso di uscire fuori dalla tua zona di comfort ti genera nuove sensazioni ed esperienze con relative ricompense.

Quando dico variare, cambiare, intendo dire anche per es. correre in pista o correre fuori strada su sentieri da trail running, potrebbe sorprenderti  il fatto che queste nuove superficie sono più adatte a te per fare determinati tipi di allenamento.

Inoltre, cambiare significa anche provare altri tipi di sport, l’importante è continuare a fare attività e mantenersi in forma, questa è la motivazione.

7.- Comprati nuovo materiale…

… e utilizzalo.

Ce l’abbiamo nel dna da quando siamo piccoli, come ci piacciono i regali.

Quindi, approfitta, fatti dei regali di materiale sportivo, anche se non ti serve, vedrai come aumenta la motivazione.

E, se vuoi essere più pragmatico, dopo averlo comprato, pensa, “Ora che ho speso dei soldi per queste nuove scarpe, devo necessariamente uscire a correre, no?”

8.- Condividi la tua passione…

… nel senso più ampio della parola “condividere”.

Non mi riferisco al fatto di stare tutto il giorno connesso ai social network o blog caricando le foto del tuo allenamento o della tua gara, cerca semplicemente gente con la quale andare a correre insieme, iscriviti a qualche associazione di runners, ecc.

Ci sono mille opzioni che ti permettono di prendere più o meno impegni, puoi essere la persona che non esce mai solo o quello che vuole sempre uscire a correre in solitaria. In qualsiasi caso, prova qualcosa di diverso vedrai come cambia la storia e deciderai se proseguire in gruppo o da solo.

Naturalmente, senza esagerare, ogni tanto posta qualche foto sul tuo profilo Facebook, Twitter o Instagram, questo anche fa parte del mondo della corsa e ti permette di interagire con altre persone con la tua stessa passione.

9.- Fai competizione quando ne hai voglia

… e prenditi una parentesi, una pausa quando lo ritieni opportuno.

Lo sport porta in maniera implicita il superamento di noi stessi, tutti facciamo competizione durante lo sport, qualunque esso sia.

Per questo motivo devi approfittare, devi competere, che tu lo faccia iscrivendoti a mille gare o semplicemente superando i tuoi tempi durante gli allenamenti.

Inoltre, se vuoi migliorare i tuoi tempi guadagnando un punto ogni volta, devi competere sempre, anche se senza pressione ma devi sempre migliorarti. Poi, se vai per fare competizione nelle gare, sentirai quella sensazione di farfalle nello stomaco, questa è la migliore motivazione che esiste, anche se suppone tanto sforzo e stress.

Se poi ti rendi conto che questo ti causa più stress del dovuto, che non ti piace ciò che succede, prenditi una bella pausa e riposa, tanto non succede nulla, vedrai che la voglia di ritornare a correre…tornerà, te lo assicuto.